Cosa facciamo

Isolamento termoacustico

Insonorizzazione, cabine silenti per macchinari, correzione acustica di ambienti di lavoro, camere galleggianti, ambienti anecoici e fonoassorbenti.

Adeguamento norme REI

Pareti e soffitti con speciale resistenza al fuoco (Norme REI 90-120-180) sia di nuova costruzione, sia come adeguamento di vecchie strutture.

Soluzioni di edilizia civile

Soffitti, pareti e pavimenti per la suddivisione di abitazioni. Realizzazione di fregi e motivi architettonici, alloggio di corpi illuminanti- Ristrutturazione di interni, contropareti ed eliminazione di imperfezioni estetico-strutturali.

Soluzioni di edilizia industriale

Realizzazione clean-room e sale di refrigerazione. Controsoffitti decorativi con elementi illuminanti per negozi e centri commerciali. Pareti isolanti per pensioni, alberghi e agriturismi.

Dove siamo

Cartongesso negli isolamenti termoacustici per edilizia civile e industriale

Alla IsoTar abbiamo la passione per il cartongesso e le opere architettoniche realizzate con questo materiale dalla straordinaria versatilità.

Operiamo nel settore delle finiture di interni come soffitti, controsoffitti e pareti divisorie in cartongesso. Siamo particolarmente specializzati nell’isolamento termico e acustico e nella protezione passiva al fuoco a norme REI.

Principali settori di intervento

  1. Acustica
    • Progettazione ed esecuzione di interventi correttivi in campo civile e industriale. Insonorizzazione.
    • Costruzione di cabine silenti per macchinari (prevalentemente in cartongesso).
    • Correzione acustica di ambienti di lavoro, luoghi pubblici, agriturismi, pensioni, alberghi, sale conferenze, teatri.
    • Progettazione e realizzazione di camere galleggianti per studi di registrazione
    • Realizzazione di ambienti anecoici e fonoassorbenti
  2. Abitazioni civili
    • Prima abitazione: dal pavimento al soffito al controsoffitto in cartongesso; realizzazione motivi architettonici, fregi, alloggio corpi illuminanti, isolamento termico di pareti, soffitti, tetti; le tecnologie e i materiali impiegati sono molteplici tra i quali spicca il cartongesso.
    • Ristrutturazioni: costruzione di contropareti, controsoffitti, pareti
      divisorie con possibilità di eliminazione di imperfezioni estetico-strutturali e di inconvenienti termici ed acustici.
    • Vendita ed installazione porte interne e relative finiture. Maniglie, fregi, vetri molati e smerigliati, vetro-camera
  3. Locali pubblici
    • Negozi e showroom: interventi mediante pareti in cartongesso curvato e controsoffitti con speciali elementi architettonici realizzati in cartongesso.
      Controsoffitti decorativi con inserimento di corpi illuminanti, faretti, spot, lampade a luce naturale (vapori di iodio). Sono
      compresi gli stucchi e le rifiniture.
    • Alberghi e pensioni: pareti e controsoffitti isolati acusticamente,
      in particolare per camere da letto e servizi igienici.
  4. Costruzioni industriali
    • Pareti e soffitti con speciale resistenza al fuoco (norme REI 90-120-180), sia ex novo che conformando vecchie strutture alle norme vigenti.
    • Blocchi uffici “chiavi in mano”.

Il cartongesso

Il cartongesso («drywall» in lingua inglese) è uno dei materiali da edilizia più diffusi, versatili e utilizzati del momento.
La velocità di realizzazione di elementi divisori, isolanti e di sicurezza, realizzati con il cartongesso e le intrinseche caratteristiche di fonoassorbenza e isolamento termoacustico, ne fanno la scelta più frequente nell’edilizia – cosiddetta – leggera.

Gli elementi divisori realizzati in cartongesso, inoltre sono intrinsecamente ignifughi e idrorepellenti, permettendone così l’adozione anche in condizioni difficili come le cabine di refrigerazione per l’industria alimentare e le camere bianche («clean rooms» in inglese) delle industrie chimica ed elettronica.

Lo spessore di pareti, contropareti, solai, soffitti e controsoffitti realizzati con il cartongesso può variare – a seconda dell’impiego richiesto e della criticità da affrontare – da pochi centimetri a diverse decine di centimetri.

Una parete in cartongesso è costituita – generalmente – da un telaio portante in lamiera metallica ai cui lati viene fissata una serie di pannelli (o «lastre») di cartongesso. Nell’intercapedine che ne deriva, vengono inseriti diversi materiali isolanti e fonoassorbenti dalla diversa densità, in base alle esigenze. I materiali di riempimento più frequentemente utilizzati sono la lana di vetro e la schiuma poliuretanica a espansione.


Una fase di lavorazione degli esterni in cartongesso della Holostem di Modena

Una fase di lavorazione degli esterni in cartongesso della Holostem di Modena


I nostri primi 25 anni

25 anni di cartongesso e non dimostrarli

Il 2017 è stato il nostro giubileo. Abbiamo, infatti, festeggiato il 25° anno di attività nel campo dell’edilizia di completamento, durante i quali abbiamo realizzato migliaia e migliaia di metri quadri di pareti, soffitti e controsoffitti in cartongesso.